Dovizioso e la Ducati hanno una grande chance di vincere il mondiale MotoGP

A 6 gare dal termine della stagione della MotoGP, Andrea Dovizioso e la Ducati si ritrovano davanti una grande chance per portare a casa la vittoria del titolo mondiale MotoGP 2017. Grazie alla vittoria ottenuta nel GP di Silverstone, il pilota italiano è tornato in testa alla classifica iridata con 183 punti, con ben 9 punti di vantaggio su Marc Marquez, 13 su Vinales e 26 su Valentino Rossi (che a causa della frattura della gamba destra riportata alla vigilia del GP di San Marino è chiaramente fuori dalla lotta iridata). Gara dopo gara la Ducati si sta rilevando una moto sempre più competitiva, mentre Andrea Dovizioso ha acquisito quella sicurezza nei propri mezzi che non aveva mai avuto nel corso della propria carriera. Riuscirà questo splendido binomio italiano a centrare l’impresa?

andrea dovizioso sulla sua moto

L’unico titolo iridato in MotoGP della Ducati risale alla stagione 2007, anno in cui Casey Stoner dominò la stagione portando a casa 10 dei 18 GP in programma. In quella stagione la moto di Borgo Panigale progettata dall’Ingegner Preziosi era decisamente la moto migliore in pista, anche se il solo Casey Stoner era in grado di spingerla al limite. Oggi la GP17 è una moto molto competitiva ed equilibrata, che come 10 anni fa ha nel motore desmodromico il suo punto di forza. Grazie al grandissimo lavoro fatto dal reparto corse su telaio ed elettronica, la mostruosa potenza del 4 cilindri della Ducati viene sfruttata nel migliore dei modi da Andrea Dovizioso che in sella alla GP17 ha vinto 4 delle prime 12 gare della stagione.

Le chance mondiale per il pilota italiano della Ducati sono reali perché in almeno 2/3 delle ultime 6 piste la GP17 sembra poter essere superiore sia alla RC213V di Marc Marquez che alla Yamaha YZR-M1 di Maverick Vinales. I 9 punti iridati di vantaggio in classifica non sono un grandissimo bottino da amministrare, ma permetteranno a Dovizioso di correre senza rischiare troppo nelle prossime gare, mentre i suoi avversari saranno obbligati a forzare per cercare di tornare sotto in classifica. Un altro vantaggio per Andrea Dovizioso sarà l’assenza di Valentino Rossi per almeno un paio di gare, situazione che incrementerà la possibilità di Dovizioso di fare punti importanti anche nel caso in cui dovesse finire alle spalle dei suoi inseguitori in classifica.

Adrea dovozioso

Se Andre Dovizioso ride, lo stesso non si può dire per Jorge Lorenzo. Alla vigilia del mondiale il maiorchino, che aveva firmato un contratto da 15 milioni di euro netti a stagione, era considerato il pilota di punta della Ducati. La squadra di Borgo Panigale  aveva dichiarato apertamente di aver ingaggiato lo spagnolo per fare il salto di qualità e per puntare alla vittoria del titolo iridato. Ma fin dalla prima gara della stagione si è visto come il vero valore aggiunto in sella alla GP17 fosse Andrea Dovizioso, che si è guadagnato in pista i gradi di capitano della squadra e la chance di portare a casa uno storico titolo iridato della MotoGP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *