Formula Uno: Hamilton fa suo anche il GP del Brasile

Nella penultima gara del mondiale 2018, disputata in Brasile, torna alla vittoria Lewis Hamilton che conferma così la straordinarietà della sua annata. Ma il miglior pilota di giornata è stato Max Verstappen, autore di una grande prova e che ha guidato a lungo la gara. Il piltoa della Red Bull è salito ancora una volta sul podio, in seconda posizione, ottenendo così l’ennesimo risultato importante della sua giovane carriera. A salvare l’onore della Ferrari del GP del Brasile è stato Raikkonen, terzo al traguardo. Per Vettel un anonimo sesto posto finale che la dice lunga sul suo stato di forma.

Per effetto di questo risultato la Mercedes vince il titolo costruttori, arrivando a cinque successi infila. Ora manca solo una gara al termine della stagione, che si chiuderà sul circuito di Abu Dhabi.

Hamilton fa suo anche il GP del Brasile
GP del Brasile: Hamilton sorpassa Verstappen dopo il testacoda dell’olandese

Nel venerdì delle libere brillano Verstappen e le due Mercedes

L’inizio delle prove libere sul circuito di Interlagos sorride a Verstappen che con la sua Red Bull si mette in testa nella lista dei tempi nella prima sessione, lasciandosi alle spalle Vettel e Hamilton, con il primo che accusa un distacco di 49 millesimi mentre il secondo di 96 millesimi. Ricciardo si è presentato in pista con il cambio del turbo e quindi sarà costretto a retrocedere di 5 posizioni in partenza. Il secondo pilota Ferrari, Kimi Raikkonen, si piazza quinto e precede Bottas.

Nella seconda sessione ritornano a comandare le Mercedes con Bottas che precede Hamilton anche se il distacco tra i due è di soli 3 millesimi di secondo. Vettel è terzo, con 73 millesimi dal primo e con le due Red Bull di Ricciardo e Verstappen subito dietro. Dopo di loro si è piazzato Raikkonen. Nelle simulazioni del passo gara buoni risultati per Hamilton.

Nelle prove del sabato prima l’exploit di Vettel, poi la pole di Hamilton

Anche le prove del sabato hanno due piloti diversi in prima posizione. Nella mattinata le libere 3 vedono un velocissimo Vettel che con il nuovo record della pista si mette alle spalle entrambi i piloti della casa tedesca, poi nelle qualifiche la spunta ancora Hamilton con Vettel che si deve accontentare del secondo posto. In mattinata Hamilton è stato fermato a lungo per problemi alla vettura. Dopo di lui nelle libere 3 si sono piazzati Bottas e Raikkonen con le due Red Bull che occupano tutta la terza fila con Verstappen e Ricciardo.

La lotta per la pole position inizia con una Q1 che vede qualificate tutte le 6 vetture che montano un motore Ferrari, con Verstappen in prima posizione davanti alle due Ferrari e Hamilton in quarta. Nella Q2 la pioggia che va e viene condiziona le prestazioni e la prima posizione è di Bottas, Nella corsa alla prima posizione in griglia la spunta Hamilton che precede Vettel. Anche questa sessione si è disputata con qualche goccia di pioggia e ha visto i secondi piloti di Mercedes e Ferrari rispettivamente in terza e quarta posizione, Quinto Verstappen, mentre Ricciardo scalerà alla partenza dalla sua sesta posizione all’11esima con Ericsson che prende il suo posto.

GP del Brasile: prima spettacolo di Verstappen poi il successo di Hamilton

A Interlagos poteva arrivare ancora una vittoria del giovane olandese, ma durante un doppiaggio di Ocon c’è stato un contatto che ha deciso la gara. Il pilota della Force India ha fatto andare in testacoda Verstappen, regalando di fatto il successo al pilota inglese della Mercedes. A fine gara Verstappen era ovviamente infuriato.

L’inizio di gara ha visto una serie di sorpassi da parte di Verstappen che prima ha infilato le due vetture di Maranello nell’arco dei primi 5 giri, poi al decimo ha ripetuto lo stesso sorpasso su Bottas portandosi dietro Hamilton. Il gioco dei pit-stop ha poi permesso a Verstappen di uscire con gomme più fresche e passare in testa superando Hamilton al 40esimo giro, ma dopo altre 4 tornate il fattaccio dello speronamento da parte di Ocon che ha permesso ad Hamilton di tornare in testa e chiudere vittorioso nonostante l’arrembaggio del pilota Red Bull che si era rimesso in corsa dopo il testacoda. Ferrari abbastanza opache e con una strategia che alla fine ha penalizzato Vettel, solo sesto, dietro il compagno di squadra, Ricciardo e Bottas.

GP del Brasile: il contatto tra Verstappen ed Ocon
GP del Brasile: il contatto tra Verstappen ed Ocon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *