La salute mentale degli sportivi

MENS sana in corpore sanoQuando si accosta il mondo dello sport al tema della salute mentale, in genere lo si fa per evidenziare i benefici dell’attività sportiva. Gli psicanalisti, gli psicoterapeuti e gli altri professionisti del settore, sono concordi.

La psicologa e psicoterapeuta dott.ssa Rossi di Genova, da sempre si lotta per una maggior attenzione alla salute mentali degli sportivi. Dal suo studio di Genova la famosa psicologa gestisce numerosi forum che aiutano gli sportivi di tutta Italia.

L’impegno sportivo può essere un valido strumento nei programmi di terapia dei pazienti con disturbi e disagi di tipo psichico. Gli studi cognitivi riconoscono il ruolo fondamentale delle attività di tipo sportivo nella relazione tra mente e corpo. Inoltre ogni bravo psicologo consiglierebbe gli sport di squadra come attività che favoriscono la socializzazione e l’integrazione.

Ma quando si parla di salute mentale e sport, ci si riferisce anche a un altro aspetto: la salute mentale degli sportivi.

Chi si impegna nello sport, soprattutto a livello agonistico, viene sottoposto a stress e pressioni, che spesso è difficile sostenere. Il noto detto latino mens sana in corpore sano, dà per scontato che dalla saluta fisica derivi anche quella mentale, ma non sempre è così. Non di rado gli sportivi che subiscono le conseguenze della loro attività agonistica a livello mentale, hanno bisogno del sostegno di uno psicoterapeuta.

Quando la salute mentale degli sportivi cede

Salute Mentale degli sportiviNon sono pochi i casi in cui la salute mentale degli sportivi non regge al peso dell’impegno agonistico. Ne citiamo alcuni a titolo esemplificativo, per mostrare come proprio ai livelli più alti, gli atleti siano sottoposti alle pressioni maggiori. Nel 2017 Aaron Lennon calciatore del Tottenham fu trovato in stato confusionale in autostrada e subito ricoverato. La diagnosi dei medici fu quella di stress. In Italia uno dei casi più noti è quello di Arrigo Sacchi. L’ex allenatore ha detto no alla sua posizione di dirigente alla FIGC a causa del peso delle responsabilità e del suo perfezionismo.

Per contrastare queste problematiche la PFA, il sindacato inglese dei calciatori ha deciso di creare meccanismo di supporto. Come lo psicologo gratuito per tutti gli iscritti, e sono tanti i calciatori che chiedono un sostegno.

Anche Gigi Buffon, qualche anno fa confidò di aver sofferto di depressione, per un periodo della sua attività agonistica. Ad aiutarlo a uscirne, fu proprio il supporto di uno psicoterapeuta. Molto spesso si vede la vita degli atleti come un sogno, costellato di vittorie, ricchezze, belle auto. Non si considera il fatto che chi insegue il proprio sogno sportivo fa molti sacrifici fin dalla tenera età. Inoltre a certi livelli la pressione emotiva è elevatissima. Il tema della salute mentale degli sportivi va dunque affrontato, laddove spesso ci si concentra solo su quello della salute fisica.

Un sostegno alla salute mentale degli sportivi

arrigo sacchiProprio Arrigo Sacchi è stato uno dei precursori in questo ambito, sin dal 1994. Per i mondiali di quell’anno infatti, affiancò ai propri giocatori degli psicologi gratuiti. L’obiettivo era quello di comprendere chi fosse mentalmente pronto ad affrontare le gare, alquanto stressanti, del campionato del mondo. Oggi la figura dello psicoterapeuta è più presente nello sport, le squadre anche a livello dilettantistico, hanno spesso la consulenza di almeno un bravo psicologo. Sono attivi anche corsi specifici presso le Università, dove oltre accanto a psicoterapia e scienze cognitive si studia Psicologia dello Sport.
Questo perché si comprende come la salute mentale degli sportivi debba essere messa sullo stesso piano di quella fisica. In pratica è accettato il fatto che l’allenamento della mente sia importante quanto quello fisico. L’atleta, spesso un ragazzo giovane, deve essere in grado di reggere stress, responsabilità e tutto il peso emotivo di una gara.

Nel mondo del calcio è emersa la figura del mental coach, l’allenatore della mente. Questo può essere uno psicoterapeuta o psicologo, con la differenza che è specializzato proprio per questo sport in particolare. Il ruolo del mental coach non è soltanto quello di preparare mentalmente gli atleti a vincere. Ma è anche un valido supporto nel momento in cui l’atleta fallisce e vive momenti negativi. Riuscire ad affrontare i momenti bui, con l’aiuto di uno psicoterapeuta, è fondamentale, in un mondo in cui vincere sempre è impossibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *