MotoGP: nel GP del Mugello arriva la prima vittoria di Lorenzo in sella ad una Ducati

Finalmente Jorge Lorenzo è riuscito a conquistare la sua prima vittoria in sella ad una Ducati. Al GP del Mugello il maiorchino si è imposto davanti al compagno di squadra Andrea Dovizioso in quello che è stato un weekend fanastico per la scuderia di Borgo Panigale, che nel GP di casa ha messo a segno una splendida doppietta. Sul terzo gradino del podio è finito Valentino Rossi, che con la sua Yamaha era partito dalla poleposition. Fuori dalla zona punti il leader del mondiale Marc Marquez, autore di una scivolata nella prima parte di gara.

Le prove del GP del Mugello

Durante tutto il weekend è regnato l’equilibrio, con molti piloti che si sono trovati subito a loro agio sulla pista toscana. Oltre ai soliti Marquez e Dovizioso, al Mugello hanno trovato il giusto assetto anche Jorge Lorenzo e Andrea Iannone, che fin dal venerdì mattina hanno fatto registrare tempi interessanti. La prima giornata di prove si chiudeva con lo spettacolare incidente di Michele Pirro su Ducati, che in fondo al rettilineo veniva scaraventato in aria dalla sua Ducati a causa di un problema ai freni. Ma per fortuna il pilota italiano non riportava conseguenze troppo gravi, anche se a causa della commozione celebrale era costretto a chiudere lì il suo weekend di gara.

Nelle prove ufficiali Valentino Rossi sorprendeva tutti, piazzando una zampata nei minuti finali della Q2, facendo registrare anche il nuovo record della pista con il tempo di 1:46.208. Alle spalle del 39enne fuoriclasse pesarese si piazzavano Jorge Lorenzo su Ducati, staccato di soli 35 millesimi dal rivale, e Maverick Viñales su Yamaha, staccato di 96 millesimi dal compagno di squadra. In seconda fila si piazzavano invece Andrea Iannone con la Suzuki ed un ottimo Danilo Petrucci in sella alla Ducati Alma Pramac Ducati, che precedeva il campione del mondo Marc Marquez su Honda. Solo settimo tempo per Andrea Dovizioso.

La gara

Al via Jorge Lorenzo aveva lo spunto migliore del gruppo di testa, riuscendo coì a prendere il comando della gara fin dalla prima curva. Alle sue spalle si innescava subito la bagarre a causa di un’entrata scomposta di Marquez, che arrivava lungo alla prima curva in fondo al rettilineo. Proprio lo spagnolo della Honda poco dopo entrava duro su Danilo Petrucci, che finiva leggermente fuori pista perdendo diverse posizioni.

Alle spalle di Jorge Lorenzo si formava un trenino molto interessante con Rossi, Marquez, Iannone e Dovizioso, seguiti a breve distanza anche da Riins e Petrucci. Al 4° giro arrivava il primo colpo di scena, con la scivolata di Marquez che ripartiva così dalla coda del gruppo con la moto leggermene danneggiata.

Dovizioso e Iannone passavano Rossi e si mettevano a caccia di Lorenzo, l’unico con le gomme soft, che in teoria avrebbero dovuto avere una duraa minore rispetto a quelle dei rivali. Ma la scelta delle gomme per il maiorchino si rivelava azzeccatissima, perché le soft riuscivano ad essere più performanti delle hard, permettendo così a Lorenzo di scappare via indisturbato. Alle spalle del n°99 della Ducati c’era solo Dovizioso, saldamente in seconda posizione, con il terzetto italiano formato da Iannone, Rossi e Petrucci a darsi battaglia per l’ultimo gradino del podio. Alla fine la spuntava Valentino Rossi, che tagliava il traguardo al 3° posto alle palle delle Ducati di Lorenzo e Dovizioso. Ai piedi del podio si piazzavano le Suzuki di Iannone e Riins, con Petrucci che perdeva qualche posizione a causa di un brusco calo delle gomme negli ultimi giri.

Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo

La classifica iridata dopo il GP del Mugello

Lo zero di Marc Marquez permette a tutti gli inseguitori di accorcire le distanze in classifica, anche se il pilota della Honda appare ancora irraggiungibile. Marquez è in testa al mondiale con 95 punti davanti ai due piloti ufficiali Yamaha, con Rossi a quota 72 e Vinales a 67. Dovizioso grazie al secondo posto risale in classifica portandosi a 66 punti, a -29 dalla vetta.

Valentino Rossi
Valentino Rossi

I rumors di mercato

Durante il weekend si è parlato anche di mercato piloti, dopo che Dovizioso ha ufficializzato il suo rinnovo binnale in Ducati. Ha chiuso definitivamente le porte alla scuderia italiana Jorge Lorenzo, che a fine gara ha dichiarato: “Rinnovare con la Ducati? Sfortunatamente ormai è troppo tardi, se Gigi Dall’Igna avesse creduto in me prima la storia sarebbe andata diversamente“. Nel Team ufficiale Ducati dovrebbe arrivare Danilo Petrucci. Sembra inoltre che Andrea Iannone lascerà la Suzuki il prossimo anno per passare all’Aprila ufficiale e dare vita così ad un binomio tutto italiano.