I numeri della stagione 2019 di Formula Uno

La stagione 2019 del campionato mondiale di Formula Uno si è conclusa con la vittoria del titolo da parte di Lewis Hamilton. Per il pilota della Mercedes si tratto della terza vittoria consecutiva, che porta a sei il numero delle corone iridate conquistate nel corso della sua fantastica carriera. La stagione che si è da poco conclusa ha visto, oltre al dominio del pilota inglese, anche la conferma di quello della Mercedes, vincitrice ancora una volta (e con ampio margine) della classifica per il titolo costruttori.

Hamilton ha preceduto il compagno di squadra Bottas e Verstappen, con il pilota olandese che è riuscito a sovvertire i pronostici ed a portare la sua Red Bull al terzo posto finale, davanti ai due piloti della Ferrari, Leclerc e VettelNel mondiale costruttori è stata invece la scuderia di Maranello a conquistare la seconda posizione.

Per quanto riguarda la classifica dei giri veloci in gara, che da questa stagione hanno garantito 1 punto supplementare al pilota che lo aveva fatto segnare, il migliore è stato Hamilton con 6, davanti al terzetto formato da Bottas, Leclerc e Verstappen, con 3 giri veloci ciascuno. Vettel ha segnato il giro veloce in due occasioni, così come Gasly, mentre la classifica è chiusa da Magnussen con 1.

I numeri della stagione 2019 di Formula Uno

I numeri dell’annata inquadrano bene il dominio dell’accoppiata Hamilton–Mercedes. Vediamoli insieme.

Vittorie

Lewis Hamilton che ha conquistato 11 successi, portando a casa oltre la metà delle 21 gare in programma. Alle spalle dell’inglese come numero di successi stagionali troviamo Bottas con 4 vittorie, che ha preceduto Verstappen (arrivato a 3). Giù da questo “podio” troviamo le due Ferrari, con Leclerc che ha chiuso la sua prima stagione in rosso con 2 successi, davanti a Vettel che ha tagliato per primo la bandiera a scacchi solo un un’occasione.

Poleposition

Il monegasco Leclerc è stato il pilota che ha conquistato il maggior numero di pole position, 7. Alle sue spalle ci sono i due pilori della Mercedes, che ne hanno conquistate 5 a testa, mentre Vettel e Verstappen si sono qualificati con il miglior posto in griglia di partenza per 2 volte ciascuno.

Il rapporto tra le pole conquistate e il numero di successi ottenuti conferma la solidità di Hamilton e della sua Mercedes che non ha mai subito guasti durante la stagione consentendo al pilota inglese di terminare tutte le gare stagionali in zona punti.

Poleposition per Leclerc a Spa
Poleposition: Leclerc davanti a tutti

Le altre statistiche

Per quanto riguarda l’insieme dei piloti che hanno partecipato al mondiale, in questa stagione non ci sono state sostituzioni e tutti hanno preso parte a tutti i GP con il cambio a circa metà stagione che ha portato Albon dalla Toro Rosso alla Red Bull mentre Gasly ha fatto il trasferimento opposto. Al termine della stagione tutti i piloti meno Russell hanno acquisito punti in classifica, con Kubica, che il prossimo anno lascerà la Formula Uno, che ne ha conquistato solo 1 piazzandosi quindi al 19esimo posto.

La Ferrari

Diamo uno sguardo ai numeri della scuderia di Maranello, che ha avuto il suo miglior momento nella seconda parte di stagione, quando sono arrivate sei pole position consecutive, cinque delle quali conquistate da Leclerc ed una da Vettel. Ci sono stati anche 3 successi consecutivi, due di Leclerc ed 1 di Vettel.

Per il pilota monegasco il passaggio alla guida di una Ferrari ha coinciso con un netto miglioramento delle prestazioni, con i 264 punti conquistati al termine del mondiale, frutto di 9 piazzamenti sul podio. Un bel salto in avanti rispetto ai 39 dell’anno precedente quando, alla guida della Alfa Romeo, non era mai salito sul podio.

Cresce anche Hamilton

Incremento di punti anche per il campione del mondo Hamilton che sale da 408 dell’anno scorso a 413 del 2019. Passo indietro netto invece per Vettel che dopo il secondo posto del 2018 con 320 punti, è sceso in quinta posizione con 240 punti conquistati.

GP di Abu Dhabi: Hamilton è stato un cannibale
Hamilton è stato un cannibale nel 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *