In Formula Uno il 2018 sarà l’anno di “Halo”

In Formula Uno il 2018 sarà l’anno di “Halo”

Notizie "Su Ruote"
La Formula Uno è sicuramente la più prestigiosa tra tutte le competizioni motoristiche che si svolgono sotto l’egida della Fia, la Federazione Internazionale dell’Automobilismo. Allo stesso tempo la Formula Uno è certamente anche molto pericolosa e la stessa Fia sta continuamente modificando le regole, non solo per assicurare maggiore spettacolo, ma anche per dare sempre maggiori garanzie ai piloti in fatto di sicurezza. A partire dalla stagione 2018 su tutte le vetture del campionato mondiale di Formula Uno sarà introdotto l’Halo, il sistema che protegge la testa dei piloti. In sostanza di tratta di una protezione metallica, dalla forma di un’aureola, la cui sperimentazione in prova è iniziata nel corso della scorsa stagione, e per la quale si è arrivati recentemente alla decisione di renderla obbligatoria dal 2018. Nel mese…
Approfondisci
MotoGP: le nuove carene sostituiscono le ali

MotoGP: le nuove carene sostituiscono le ali

Notizie "Su Ruote"
Nel corso della stagione 2015 la MotoGP aveva visto una rivoluzione tecnica dal punto di vista aerodinamico grazie all’introduzione, da parte della Ducati, delle ali ai lati delle carene. Questa innovativa soluzione tecnica era presto stata copiata anche dagli altri Team e nel corso della stagione 2016 del motomondiale erano comparse le ali a tutte le moto. A metà della stagione 2016 la federazione decise, per motivi di sicurezza, che nella stagione 2017 l’utilizzo delle ali sarebbe stato vietato. Per questo motivo gli ingegneri dei vari team hanno studiato delle nuove soluzioni, cercando di tornare a garantire ai propri piloti i vantaggi che garantivano le ali aerodinamiche fino alla scorsa stagione. Nelle ultime settimane il lavoro dei team ha visto la luce, nel corso delle ultime settimane sono comparse sulle…
Approfondisci
Vax

Vax

Bio
Mi chiamo Alberto Puccini, sono nato nel 1977 a Cecina, un paese di circa 25.000 abitanti in provincia di Livorno. Sono quindi un toscanaccio, nelle cui vene scorre però anche un pò di sangue sardo, grazie alle origini di mia mamma. La mia grande passione è sempra stato il basket, ed infatti sono cresciuto mangiando pane e “palla spicchi”. Ho iniziato a giocare all’età di 6 anni e quando ho smesso di giocare sono passato dal campo alla panchina diventando un allenatore. Ma fin da piccolo ho sempre amato lo sport in generale, dal calcio (sono tifoso della Fiorentina) al ciclismo, dalle moto alla formula uno, dal tennis all’atletica leggera. Crescendo ho maturato anche una grande passione per la tecnologia. Inizialmente ero molto attratto dai personal computer, ma con il…
Approfondisci