Franco Morbidelli conquista il titolo iridato in Moto2

Franco Morbidelli conquista il titolo iridato in Moto2

Franco Morbidelli ha conquistato il titolo mondiale 2017 della Moto2. Un pilota italiano torna così sul tetto del mondo ad 8 anni di distanza dall’ultimo successo tricolore firmato da Valentino Rossi nel 2009 in MotoGP. Il titolo iridato in Moto2 mancava invece dal 2008, quando a trionfare fu Marco Simoncelli in sella ad una Gilera. Morbidelli, che a causa dell’abbandono di luthi era diventato matematicamente campione già prima del via del GP della Malesia, si è dimostrato senza ombra di dubbio il miglior pilota della sua categoria ed il prossimo anno farà il grande salto in MotoGP. Al termine della gara della Moto2 è sceso a festeggiare in pista con lui anche Valentino Rossi, il pilota a cui Franco Morbidelli si ispira da sempre. Morbidelli era ovviamente soddisfatto per aver…
Approfondisci
MotoGP: Marquez e Dovizioso si giocheranno il titolo iridato nelle ultime 3 gare

MotoGP: Marquez e Dovizioso si giocheranno il titolo iridato nelle ultime 3 gare

A sole 3 gare al termine della stagione 2017 della MotoGP il titolo iridato è rimasto una questione tra Marc Marquez e Andrea Dovizioso. Dopo la vittoria del pilota italiano nel GP del Giappone che si è corso a Motegi, Marquez e Dovizioso sono separati in classifica da appena 11 punti, quando in palio ce ne sono ancora 75. La matematica lascia ancora in gioco anche Maverick Vinales, ma i 41 punti di ritardo del pilota Yamaha nei confronti di Marc Marquez lasciano poche speranze al compagno di squadra di Valentino Rossi. Ma chi è il vero favorito per questa entusiasmante volata finale? Le maggiori chance di vittoria del titolo mondiale è senza dubbio Marc Marquez, e non solo per gli 11 punti di vantaggio che il n°93 ha attualmente…
Approfondisci
Quale sarà il futuro per Andrea Iannone

Quale sarà il futuro per Andrea Iannone

Andrea Iannone è stato uno dei più grandi flop della stagione 2017 della MotoGP. Il pilota italiano, nativo di Vasto, in questa stagione sta correndo con la Suzuki, che aveva puntato su di lui per fare il definitivo salto di qualità. Ma il connubio tra Iannone e la Suzuki non si è rivelato efficace, sia per la scarsa competitività della moto che per i tanti errori commessi dal pilota italiano in pista durante il corso della stagione. Cosa riserverà il futuro ad Andrea Iannone? Riuscirà a diventare finalmente un top rider ed a giocarsi il titolo mondiale in MotoGP? Il contratto con la Suzuki scade alla fine del 2018, quindi il pilota italiano sarà ancora in sella alla GSX-RR nella prossima stagione, ma nonostante i buoni piazzamenti delle ultime gare,…
Approfondisci
La grande occasione sprecata dalla Ferrari

La grande occasione sprecata dalla Ferrari

Il 2017 sembrava l’anno buono per la Ferrari. Dopo le delusioni delle ultime stagioni, in cui la Rossa non era mai riuscita ad essere competitiva nei confronti della Mercedes, la Scuderia di Maranello era riuscita a cambiar rotta ed a mettere in pista una monoposto molto competitiva. Le due vittorie ottenute nella prima gara in Australia e nel terzo GP stagionale in Bahrein avevano fatto sognare tifosi della Ferrari ed avevano dato fiducia a tutto il Team, che era convinto di poter riportare a casa quel titolo mondiale piloti che manca dal lontano 2007 (in quell’occasione fu Raikkonen a trionfare al termine della stagione). Sebastian Vettel ha guidato la classifica iridata dal 1° fino al 12° GP stagionale, ma poi ha dovuto cedere il passo alla Mercedes di Lewis Hamilton…
Approfondisci
Nuove collaborazioni in Formula Uno nel 2018. La McLaren avrà le Power Unit Renault, mentre la Toro Rosso sposa il progetto della Honda

Nuove collaborazioni in Formula Uno nel 2018. La McLaren avrà le Power Unit Renault, mentre la Toro Rosso sposa il progetto della Honda

La scorsa settimana in Formula Uno sono state ufficializzate due nuove collaborazioni in vista della prossima stagione. Le Scuderie coinvolte sono la McLaren e la Toro Rosso, che hanno siglato dei nuovi accordi con quelli che saranno i fornitori delle Power Unit per le prossime tre stagioni. La McLaren, dopo aver ufficializzato il divorzio con Honda, ha fatto sapere di aver siglato un accordo triennale con la Renault, mentre la Toro Rosso ha lasciato il fornitore francese per sposare l’ambizioso progetto della Honda. In pratica le due Scuderie si sono scambiate le rispettive Power Unit: chi avrà fatto la scelta migliore? Il divorzio tra la McLaren e la Honda era nell’aria da tempo, ed è stato ufficializzato dalla Scuderia di Woking sul proprio sito web. Dopo una collaborazione di 3…
Approfondisci
Nel GP di Singapore la Ferrari ha gettato al vento una grande occasione in ottica mondiale

Nel GP di Singapore la Ferrari ha gettato al vento una grande occasione in ottica mondiale

Nel GP di Singapore che si è corso sul circuito di Marina Bay lo scorso 17 settembre, la Ferrari ha perso una grandissima occasione per presentarsi con i favori del pronostico alla lunga volata del mondiale piloti. La Scuderia di Maranello ha visto i propri piloti, Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen, uscire di pista alla prima curva assieme a Max Verstappen. Grazie a quello che la commissione gara ha definito come un “incidente di gara”, Lewis Hamilton e la Mercedes hanno avuto il via libera verso una vittoria insperata alla vigilia, grazie alla quale il pilota britannico ha portato a 28 punti il proprio vantaggio in classifica su Sebastian Vettel. Con appena 6 gare in calendario da qui al termine della stagione, la strada si fa in salita per la…
Approfondisci
Dovizioso e la Ducati hanno una grande chance di vincere il mondiale MotoGP

Dovizioso e la Ducati hanno una grande chance di vincere il mondiale MotoGP

A 6 gare dal termine della stagione della MotoGP, Andrea Dovizioso e la Ducati si ritrovano davanti una grande chance per portare a casa la vittoria del titolo mondiale MotoGP 2017. Grazie alla vittoria ottenuta nel GP di Silverstone, il pilota italiano è tornato in testa alla classifica iridata con 183 punti, con ben 9 punti di vantaggio su Marc Marquez, 13 su Vinales e 26 su Valentino Rossi (che a causa della frattura della gamba destra riportata alla vigilia del GP di San Marino è chiaramente fuori dalla lotta iridata). Gara dopo gara la Ducati si sta rilevando una moto sempre più competitiva, mentre Andrea Dovizioso ha acquisito quella sicurezza nei propri mezzi che non aveva mai avuto nel corso della propria carriera. Riuscirà questo splendido binomio italiano a…
Approfondisci
Brutto infortunio alla gamba per Valentino Rossi che abbandona i sogni mondiali

Brutto infortunio alla gamba per Valentino Rossi che abbandona i sogni mondiali

Valentino Rossi dice definitivamente addio alla possibilità di conquistare il suo 10° titolo iridato. Alla vigilia del Gran Premio di San Marino, che per il n°46 della Yamaha è considerato il GP di casa (Rossi vive a Tavullia, a pochi chilometri dal circuito intitolato alla memoria di Marco Simoncelli), il pilota italiano ha riportato la frattura scomposta di tibia e perone della gamba a seguito di una caduta mentre si allenava con la moto da enduro assieme ai ragazzi del team VR46 in località Parchiule, vicino Urbania. Il pilota pesarese della Yamaha era in piena lotta per il mondiale, staccato di 26 punti dal leader della classifica Andrea Dovizioso, ma ora dovrà abbandonare i propri sogni di gloria, visto che non potrà correre non solo la gara di Misano Adriatico, ma…
Approfondisci
La McLaren è in crescita. Ma nel 2018 riuscirà a trattenere Fernando Alonso?

La McLaren è in crescita. Ma nel 2018 riuscirà a trattenere Fernando Alonso?

Nelle ultime gare del campionato mondiale di Formula Uno 2017 la McLaren ha fatto dei notevoli passi in avanti nello sviluppo della propria monoposto, piazzandosi alle spalle di quelle che ad oggi sono 3 scuderie inarrivabili per tutti: Ferrari, Mercedes e Red Bull. Basteranno questi miglioramenti per trattenere Fernando Alonso? Il pilota spagnolo, che ha da poco compiuto 36 anni, aveva puntato forte sul team inglese e sul ritorno in Formula Uno della Honda, ma negli 2 anni e mezzo non è mai riuscito ad essere competitivo per lottare con i Top Team. A fine stagione scade il suo contratto con la McLaren, ed è probabile che l’ex ferrarista possa cambiare squadra, anche se in questo momento le opzioni a sua disposizione non sono molte. All’inizio della stagione 2015 il…
Approfondisci
Kubica è pronto al rientro in Formula Uno. Nel 2018 guiderà una Renault?

Kubica è pronto al rientro in Formula Uno. Nel 2018 guiderà una Renault?

I primi giorni di Agosto, nel corso dei test che si sono svolti a Budapest, il pilota polacco Robert Kubica è tornato al volante di una macchina di Formula Uno, guidando per la prima volta una monoposto ibrida. Nei due giorni di test che hanno seguito il GP di Ungheria infatti Kubica ha guidato una Renault RS17, girando su tempi molto simili a quelli fatti registrare dai piloti ufficiali della scuderia francese. Per questo motivo molti addetti ai lavori pensano che Kubica possa tornare nel Mondiale a partire dalla stagione 2018. Robert Kubica era uno dei talenti più brillanti della Formula Uno. Arrivato nel Circus nel 2006, il pilota polacco ha corso in Formula Uno per 5 stagioni, dal 2006 fino al 2010. Nei primi 4 anni della sua carriera…
Approfondisci
Il mondiale di Formula Uno riparte con la Ferrari in testa

Il mondiale di Formula Uno riparte con la Ferrari in testa

Domenica 27 agosto ripartirà il campionato mondiale di Formula Uno dopo la sosta estiva di 4 settimane. Le Scuderie torneranno in pista per il Gran Premio del Belgio, in una delle piste più belle e tecniche del mondiale, quella di Spa Francoshamps, su un circuito dove molto spesso i piloti hanno dovuto affrontare delle gare sul bagnato molto impegnative ed allo stesso tempo emozionanti. La Ferrari, grazie alla doppietta ottenuta a Budapest, la seconda stagionale, si presenta a questo appuntamento con la leadership nella classifica mondiale piloti, con Sebastian Vettel ancora saldamente al comando, mentre la Mercedes guida la classifica nel mondiale costruttori. Per il pilota tedesco della Scuderia di Maranello si è trattato del ritorno al successo dopo cinque gare, con il suo compagno di squadra Kimi Raikkonen che…
Approfondisci
Il motomondiale in lutto per la scomparsa di Angel Nieto

Il motomondiale in lutto per la scomparsa di Angel Nieto

Domenica 6 agosto 2017, alla ripartenza delle gare del motomondiale dopo la pausa di metà campionato, il mondo del motociclismo ha pianto la scomparsa di Angel Nieto. Il grandissimo pilota spagnolo infatti è deceduto ad Ibiza pochi giorni prima a seguito dei postumi di un incidente d’auto del 26 luglio 2017. Quella del 70enne ex pilota e team manager spagnolo è stata una delle figure più fulgide del motorismo mondiale nei suoi anni d’oro. Protagonista assoluto nelle classi minori, Angel Nieto aveva nella sua bacheca ben 13 titoli mondiali, secondo in questa classifica dopo l’italiano Giacomo Agostini. Per lui però, uomo molto scaramantico, i titoli vinti erano 12+1. Una carriera durata 24 anni, dall’esordio, avvenuto nel 1964 sul circuito di Barcellona, nella classe 50, in sella ad una moto spagnola,…
Approfondisci
Dovizioso e la Ducati fermano la fuga di Marquez e della Honda

Dovizioso e la Ducati fermano la fuga di Marquez e della Honda

Con la vittoria sul circuito di Spielberg, in Austria, Andrea Dovizioso e la Ducati hanno fermato il tentativo di fuga nella classifica mondiale di Marc Marquez, che appena 7 giorni prima si era aggiudicato il GP di Brno. Per il pilota e la moto italiana si tratta della terza vittoria in questa stagione, a dimostrazione delle reali possibilità della casa di Borgo Panigale di lottare per il titolo mondiale piloti che manca da quando alla guida della rossa a due ruote c’era l’australiano Casey Stoner. Marquez continua a comandare la classifica del motomondiale, ma i suoi punti di vantaggio si sono ridotti a 16, e soprattutto è stata “stoppata” la sua fuga. La Honda ha mostrato di avere fatto dei sensibili miglioramenti rispetto alla scorsa stagione anche su piste come…
Approfondisci
In Formula Uno il 2018 sarà l’anno di “Halo”

In Formula Uno il 2018 sarà l’anno di “Halo”

La Formula Uno è sicuramente la più prestigiosa tra tutte le competizioni motoristiche che si svolgono sotto l’egida della Fia, la Federazione Internazionale dell’Automobilismo. Allo stesso tempo la Formula Uno è certamente anche molto pericolosa e la stessa Fia sta continuamente modificando le regole, non solo per assicurare maggiore spettacolo, ma anche per dare sempre maggiori garanzie ai piloti in fatto di sicurezza. A partire dalla stagione 2018 su tutte le vetture del campionato mondiale di Formula Uno sarà introdotto l’Halo, il sistema che protegge la testa dei piloti. In sostanza di tratta di una protezione metallica, dalla forma di un’aureola, la cui sperimentazione in prova è iniziata nel corso della scorsa stagione, e per la quale si è arrivati recentemente alla decisione di renderla obbligatoria dal 2018. Nel mese…
Approfondisci
MotoGP: le nuove carene sostituiscono le ali

MotoGP: le nuove carene sostituiscono le ali

Nel corso della stagione 2015 la MotoGP aveva visto una rivoluzione tecnica dal punto di vista aerodinamico grazie all’introduzione, da parte della Ducati, delle ali ai lati delle carene. Questa innovativa soluzione tecnica era presto stata copiata anche dagli altri Team e nel corso della stagione 2016 del motomondiale erano comparse le ali a tutte le moto. A metà della stagione 2016 la federazione decise, per motivi di sicurezza, che nella stagione 2017 l’utilizzo delle ali sarebbe stato vietato. Per questo motivo gli ingegneri dei vari team hanno studiato delle nuove soluzioni, cercando di tornare a garantire ai propri piloti i vantaggi che garantivano le ali aerodinamiche fino alla scorsa stagione. Nelle ultime settimane il lavoro dei team ha visto la luce, nel corso delle ultime settimane sono comparse sulle…
Approfondisci